Lampade in Vetro Soffiato
Produzione Italiana
Linea Boggia S.r.l.

Lampadari in vetro soffiato moderni

Cenni storici sul vetro soffiato 

Il vetro soffiato si è diffuso fin dalla metà del I° secolo a.C. e il suo nome deriva dalla lavorazione. Gli artigiani modellavano il vetro soffiando dentro una lunga canna. L’invenzione del vetro soffiato è l’evento più importante della storia di questo materiale.
La produzione del vetro soffiato e di oggetti realizzati con esso si concentrò nell’area di Venezia, prevalentemente a Murano, famosa ancora oggi. I maestri vetrai muranesi già nel Medioevo svilupparono tecniche di modellazione a caldo che portarono alla realizzazione di oggetti unici. Sin dall’epoca c’era lo spionaggio industriale per carpire le tecniche dei concorrenti e fu così che la repubblica di Venezia cercò di proteggere il “diritto d’autore” e i segreti dei migliori vetrai.

Vai ai Prodotti Boggia
lampade-vetro-soffiato

Nonostante quella del vetro soffiato sia una tecnica antichissima, in Italia questo tipo di lavorazione arrivò solamente negli anni 50. L’area di produzione si estendeva principalmente nell’area settentrionale del Paese e divento’ molto importante grazie alla depressione che subì l’industria Tedesca, erano principali produttor, come conseguenza del conflitto mondiale. Iniziarono così le esportazioni in America.
Le opere erano decorate con i personaggi fantasy del momento come Peter Pan, Topolino o la Pantera Rosa.
Cenni storici sul vetro soffiato italiano.
Nonostante quella del vetro soffiato sia una tecnica antichissima, in Italia questo tipo di lavorazione arrivò solamente negli anni 50. L’area di produzione si estendeva principalmente nell’area settentrionale del Paese e divento’ molto importante grazie alla depressione che subì l’industria Tedesca, erano principali produttor, come conseguenza del conflitto mondiale. Iniziarono così le esportazioni in America. Le opere erano decorate con i personaggi fantasy del momento come Peter Pan, Topolino o la Pantera Rosa.

Linea Boggia Lampade in Vetro Soffiato

Come viene lavorato

Come viene lavorato il vetro soffiato. Lavorare il vetro soffiato richiede tempo e pazienza. Per ottenre una risultato eccellente in termini di qualità è preferibile che il processo di lavorazione sia svolto da almeno due persone. Per prima cosa si ha bisogno del vetro fuso. Attraverso un tubo caldo nel quale gli artigiani soffiano, si crea una bolla che verrà mescolata al vetro liquido.
Il risultato è un composto che deve essere mescolato per dargli la forma necessaria. Una volta che si ha un risultato accettabile del composto, il vetro viene lasciato raffreddare ed è pronto per essere utilizzato nella creazione di qualche opera. 

Vai al Catalogo Prezzi
lampadario-vetro

Chi siamo

La nostra lavorazione del vetro soffiato artigianale
I nostri prodotti si inseriscono nella grande tradizione italiana della lavorazione del vetro soffiato. Fiore all’ occhiello dell’ azienda è la progettazione interna: ogni manufatto viene pensato, progettato e realizzato all’ interno dei nostri laboratori.
Tutto il percorso produttivo è concepito per realizzare dei prodotti interamente made in Italy, dall’ inizio alla fine del processo produttivo.
A tutto questo dobbiamo aggiungere l’ esperienza dei nostri collaboratori, che riescono a generare oggetti di grande valore grazie alla purezza della materia prima e alla perizia della loro arte.

Newsletter

Iscriviti per restare sempre aggiornato

Fasi della lavorazione del vetro soffiato

Qvunque si parli del vetro soffiato, la mente porta in Italia. L’Italia la culla di questa lavorazione artistica. Perché di arte si parla.
A livello storico si pensa che l’origine della vetreria abbia avuto origine in Italia intorno al VIII secolo con influenza accentuata dalla cultura araba ed asiatica.
Infatti all’epoca vi era una commercializzazione di prodotti italiani rilevante.

La lavorazione del vetro soffiato si suddivide in tre fasi principali per poi concludersi con la rifinitura in moleria.

Prima Fase: La Colorazione.
La colorazione del vetro è il momento dove nasce il particolare che sarà l’accento della creazione finale.
Un colore vivace, intenso e brillante viene ottenuto da sabbia silicea composta a ossidi metallici più o meno rari.
Il dosaggio degli ossidi è fondamentale perché a seconda della quantità usata lo stesso colore avrà sfumature e tonalità diverse.Con la fusione a temperature molto elevate diventa vetro colorato.

Seconda Fase: La lavorazione.
Avviene la trasformazione del vetro colorato, prende vita. Momento di esperienza, attitudine, sensibilità artistica del Maestro Vetraio, il quale farà da guida e supporto ad un gruppo di lavoro formato da minimo 2 persone, fino ad arrivare a 4 persone. Il vetro sarà soffiato a bocca e lavorato a mano.

Terza fase:
L’oggetto creato dal maestro vetraio viene inserito in un lungo forno di raffreddamento a nastro detto “la tempera”. Fase molto lenta e di diverse ore in cui l’oggetto scorre lento e si raffredda per essere pronto per la molatura e rifinitura finale.

Visita il Catalogo Completo Prezzi – Produzione Italiana Linea Boggia S.r.l
lampadari-vetro-soffiato lampade-vetro-soffiato